Ripetitori DMR Autocostruiti

rptautoc.png

L’anno 2015 si è dimostrato davvero ricco di novità in ambito digitale radioamatoriale. L’entrata sulla scena del server BrandMeister, frutto del lavoro di Artem, RA3ABM con la collaborazione di Giacomo IW7DZR ha permesso di far “cadere” il muro di incomunicabilità tra i principali produttori di ripetitori DMR, cioè Motorola e Hytera. Il progetto iniziale del DMRPlus sviluppato dai tedeschi era “zeppo” di impedimenti che frenavano lo sviluppo tipico del traffico fatto da noi radioamatori. Quello che solamente nel 2014 sembrava ancora tanto lontano in realtà si sta dimostrando molto più vicino. Mi riferisco alla possibilità di auto costruire anche i ripetitori, così com’è successo per il Dstar. Sono in fase di avanzata realizzazione ben 2 progetti: quello capitanato da Jonathan, G4KLX, autore del famoso Ircddb Gateway e Dstar repeater e noto con il nome di MMDVM (Multi-Mode Digital Voice Modem) e quello capitanato da PD0RZ e noto con il nome di GO-DMR (Golang Digital Mobile Radio). Entrambe i progetti fanno riferimento ad un hardware semplicissimo in tecnologia ARM: quello di Arduino. Nella foto potete vedere un prototipo del MMDVM.

L’anno 2015 si è dimostrato davvero ricco di novità in ambito digitale radioamatoriale. L’entrata sulla scena del server BrandMeister, frutto del lavoro di Artem, RA3ABM con la collaborazione di Giacomo IW7DZR ha permesso di far “cadere” il muro di incomunicabilità tra i principali produttori di ripetitori DMR, cioè Motorola e Hytera. Il progetto iniziale del DMRPlus sviluppato dai tedeschi era “zeppo” di impedimenti che frenavano lo sviluppo tipico del traffico fatto da noi radioamatori. Quello che solamente nel 2014 sembrava ancora tanto lontano in realtà si sta dimostrando molto più vicino. Mi riferisco alla possibilità di autocostruire anche i ripetitori, così com’è successo per il Dstar. Sono in fase di avanzata realizzazione ben 2 progetti: quello capitanato da Jonathan, G4KLX, autore del famoso IrcddbGateway e Dstarrepeater e noto con il nome di MMDVM (Multi-Mode Digital Voice Modem) e quello capitanato da PD0RZ e noto con il nome di GO-DMR (Golang Digital Mobile Radio). Entrambe i progetti fanno riferimento ad un hardware semplicissimo in tecnologia ARM: quello di Arduino. Nella foto potete vedere un prototipo del MMDVM.

Cosa significa in pratica? Semplice, che per realizzare il ripetitore DMR basteranno 2 apparati nati per essere “analogici” con minime caratteristiche di qualità che grazie alla presenza del Modem MMDVM con il software che gira sull’Arduino si trasformeranno in un ripetitore DMR. E considerato che il costo attuale del modello più economico presente sul mercato (pienamente compatibile Tier II e protocollo IPSC) non costa meno di 1.200 Euro si tratta di un bel risparmio. Ad oggi le radio analogiche considerate idonee sono:

  • MOTOROLA GM350, GM950
  • MOTOROLA GM340, 360, 380 series
  • MOTOROLA CM140, 160, 340
  • KENWOOD TM-V71A/E
  • YAESU FT-7800, FT-8800

Nella pratica, qualunque apparato che abbia le caratteristiche per funzionare per il Dstar può tranquillamente funzionare anche per il DMR.
Sui server Brandmeister si vedono ogni tanto in azione coloro che li stanno sperimentando. Oramai la breccia è aperta, sono certo che le novità non mancheranno!

Per chi fosse interessato eccovi qualche link:
https://groups.yahoo.com/neo/groups/mmdvm
http://www.dstar.su/files/G4KLX/MMDVM/
https://github.com/pd0mz/go-dmr

Saluti
Gianni, IS0XDA

Annunci

Copertura DMR Zona ISO

cieifeba

Rete wifi a 5 Ghz per raggiungere i ripetitori in montagna.

Ecco le mappe di copertura ottenute con Radio Mobile con i parametri di calcolo impostati con l’antenna e la potenza del ripetitore verso un mezzo mobile con antenna sul tettuccio 1/4 d’onda.

untitled

La zona verde con il segnale che va da -63 a -102 dBm (da S9+20 a S4)
La zona gialla con il segnale compresa tra -103 a -111 dBm (da S4 a S2)
La zona rossa con i segnali da -112 a -120 dBm ( da S1 a S0)

IROUAP:

BruncuSimioniDMR_3col_small

IROUGL:

Su Mullone DMR_3col_small

Nominativo
RadioID
QTH Loc.
TX
RX
Località
Note
IR0UGL
222090
JN40HD
431.5625
433.1625
Su Mullone (Montiferru) – Santu Lussurgiu – Oristano – 1.041 m. aslm
Antenna 6 dBi, a 6m, PWR=5W alimentato con pannelli fotovoltaici
IR0UAP
222091
JM49PI
430.700
435.700
Bruncu Simioni – (Serpeddì) – Burcei – Cagliari – 946 m. aslm
Antenna 6 dBi a 18 m, PWR=10W, alimentazione da rete + pannelli fotovoltaici

Saluti
Gianni, IS0XDA

TG & Reflector DMR IT 2221

group-talk-300x199.jpg

Talk Groups Time Slot e Reflector del BrandMeister

  • 9 TimeSlot2 – Local traffic and Reflectors – Addon block network traffic with timeout 120 seconds only Slot2
  • 8 TimeSlot2 – Regional – Linked ALL network Italian cbridge(DMR-CISARNET – DMR-ITALIA – DMR-TAA – IT-DMR)
  • 222 TimeSlot1 – National Italia – Linked ALL network Italian cbridge (DMR-CISARNET – DMR-ITALIA – DMR-TAA – IT-DMR)
  • 222 TimeSlot2 – National Italia – Only Repeater connected to BM – Master 2221
Grazie ad una unificazione delle risorse nazionali siamo riusciti ad ottenere questa configurazione di Talk Groups e Time Slots.
 –
On Demand (600 sec.) per il solo ripetitore che tramite PTT  attiva il TG:
TG 202   TS1 GRECIA    (Richiesto un colpo di PTT)
TG 204   TS1 PAESI BASSI  (Richiesto un colpo di PTT)
TG 206   TS1 BELGIO  (Richiesto un colpo di PTT)
TG 208   TS 1 FRANCIA    (Richiesto un colpo di PTT)
TG 214    TS 1  SPAGNA   (Richiesto un colpo di PTT)
TG 226   TS 1 ROMANIA   (Richiesto un colpo di PTT)
TG 228   TS 1  SVIZZERA (Richiesto un colpo di PTT)
TG 230   TS 1 REPUBBLICA CECA   (Richiesto un colpo di PTT)
TG 232   TS 1 AUSTRIA   (Richiesto un colpo di PTT)
TG 234   TS 1 INGHILTERRA   (Richiesto un colpo di PTT)
TG 240   TS 1 SVEZIA       (Richiesto un colpo di PTT)
TG 244   TS 1 FINLANDIA   ((Richiesto un colpo di PTT)
TG 250   TS 1 RUSSIA   (Richiesto un colpo di PTT)
TG 262   TS 1 GERMANIA  (Richiesto un colpo di PTT)
TG 268   TS 1 PORTOGALLO  Richiesto un colpo di PTT)
TG 310    TS 1 STATI UNITI   (Richiesto un colpo di PTT)
TG 334    TS 1 MESSICO  (Richiesto un colpo di PTT)
TG 505    TS 1 AUSTRALIA   (Richiesto un colpo di PTT)
TG 1776  TS 1 STATI UNITI TACMIT   (Richiesto un colpo di PTT)
TG 3100    TS 1 STATI UNITI DCI  (Richiesto un colpo di PTT
lead_large

Regional grouping – TimeSlot 2 – Linked ALL network Italian cbridge (DMR-CISARNET – DMR-ITALIA – DMR-TAA – IT-DMR)

  • 2220 Zona 0 – Lazio, Umbria, Sardegna
  • 2221 Zona 1 – Liguria, Piemonte, Valle D’Aosta
  • 2222 Zona 2 – Lombardia
  • 2223 Zona 3 – Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto
  • 2224 Zona 4 – Emilia Romagna
  • 2225 Zona 5 – Toscana
  • 2226 Zona 6 – Abruzzo, Marche
  • 2227 Zona 7 – Puglia
  • 2228 Zona 8 – Calabria, Campania, Molise
  • 2229 Zona 9 – Sicilia

Cross-link to D-STAR

  • 8500 – Xreflector XRF390 A
  • 8505 – Xreflector XRF077 D
  • 8506 – Xreflector XRF055 C
  • 8507 – Xreflector XRF036 B
  • 8510 – Xreflector XRF003 D
  • 8515 – Xreflector  XRF077 A

OTHER

  • 8511 – Cross-link to EchoLink DISABLED!
  • 9990 – Echo (Parrot). Max duration is 90 sec.

Reflectors

Reflectors used only for backward compatability with DV4mini dongle.

  • 4250 is Mapped to TG222 on TS1 – Main National Italia
  • 4251 is Mapped to TG2221 on TS2 – Zone 1 – Regional Italy
  • 4252 is Mapped to TG2222 on TS2 – Zone 2 – Regional Italy
  • 4253 is Mapped to TG2223 on TS2 – Zone 3 – Regional Italy
  • 4254 is Mapped to TG2224 on TS2 – Zone 4 – Regional Italy
  • 4255 is Mapped to TG2225 on TS2 – Zone 5 – Regional Italy
  • 4256 is Mapped to TG2226 on TS2 – Zone 6 – Regional Italy
  • 4257 is Mapped to TG2227 on TS2 – Zone 7 – Regional Italy
  • 4258 is Mapped to TG2228 on TS2 – Zone 8 – Regional Italy
  • 4259 is Mapped to TG2229 on TS2 – Zone 9 – Regional Italy
  • 4260 is Mapped to TG2220 on TS2 – Zone 0 – Regional Italy

Applications

  • 9990 – Parrot Echotest (Chiamata Privata)
  • 5057 – ARS/RRS/GPS
Altri TG non elencati sono disponibili guardando la Dashboard.
SIMPLEX, CHIAMATA ISO FREQUENZA NAZIONALE
433.450 Mhz
– TS1
– CC1
– TG99
– Criterio di abilitazione (Admit Criteria): sempre (always)
– Criteri in chiamata (In Call Criteria): sempre (always)
– Capacity Plus: OFF
o-SATELLITE-facebook
Ogni network (IT-DMR, DMR-CISARNET,  DMR-TAA, DigitaHam e DMR-ITALIA) invia e riceve i flussi utilizzando il cBridge Europeo DMR-EU http://primary.dmr-europe.net:42420/MinimalNetwatch. DMR-EU è il punto di unione.
 –
Configurazione GPS per Motorola CPS
– Impostazioni generali:
– GPS: On
– Rete
– Rete CAI: 12
– ID radio ARS: 5057
– Canale Digitale (Selezionare canale su cui attivare il servizio)
– ARS: Al cambio sistema/sito
– Connessione Ip Site: On
– Revert GPS: Selezionato
– Chiamata dati confermata: OnConfigurazione GPS per Hytera CPS
– Conventional -> General Setting -> Accessories:
– GPS = On, GPS Data Compression = Off
– Configurare la modalità preferita in GPS trigger
– Conventional ->  Channel -> Digital Channel (Selezionare canale su cui attivare il servizio)
– RRS & GPS Radio ID: 5057
– Conventional -> General ->:
– IP Multi-site Connect: On
– GPS Revert Channel: Selected
– RRS Revert Channel: Selected
 –

MSG verso la rete APRS

Inviare messaggio verso ID: 5057 in questo formato:
<APRS Nominativo in Maiuscolo destinatario><spazio><messaggio>

Es: ISOUYN TEST

FONTE

Saluti
Diego, IS0UYN

DMR

radios.jpg

     

Per collegarsi al sistema DMR-Marc, l’utente deve acquisire un ID, in modo del tutto gratuito, e programmare la sua Radio.
Per acquisire l’id, si deve riempire un form direttamente in rete, inserendo poche informazioni, una email e l’apparato che normalmente usa.
Quest’ultima cosa ha solo carattere informativo; ci potete mettere qualsiasi tipo che trovate nella lista. Una volta inviato il form, riceverete entro poche ore una email di conferma, con il vostro ID; a questo punto, potete programmare il vostro apparato e cominciare ad usare il network.

Attenzione: E’ assolutamente inutile acquisire diversi ID, non serve a nulla. Anzi, si toglie risorsa di numeri per gli altri !

Per l’acquisizione dell’ID, seguire questo   LINK

FONTE

DMR, cioè dire Digital Mobile Radio, è uno standard di comunicazione digitale per le comunicazioni di tipo civile/professionale, esistente già da molti anni ed utilizzato da molti sistemi che noi già usiamo nella vita comune, senza magari conoscerli a fondo;   ad esempio, la telefonia cellulare.

La tecnica utilizzata è il “tdma”, che permette, sulla stessa frequenza, due comunicazioni contemporanee ed indipendenti, mediante suddivisione in due slot temporali, di 30 millisecondi ciascuno;   dunque, le due comunicazioni possono avvenire in modo contemporaneo, senza che la prima possa disturbare la seconda, con l’effettivo contenimento della risorsa spettrale;   cioè dire, due comunicazioni diverse nella stessa larghezza di banda !

Il sistema radioamatoriale digitale D-Star, già ben noto ai radioamatori, invece è basato sullo standard di modulazione “fdma” e, con esso, il canale radio viene ristretto, o per meglio dire compresso, in una larghezza di banda più piccola di quanto siamo soliti pensare finora, con le modulazioni analogiche:   da 12,5 Khz a 6,25 Khz !

Dunque, DMR e D-Star sono due mondi paralleli, digitali, molto efficienti, ma ognuno con peculiarità differenti.

Negli apparati DMR ci sono ad esempio delle peculiarità aggiunte, come ad esempio la possibilità di inviare/ricevere brevi messaggi di testo (sms), avvisi di chiamata o addirittura permette di conoscere la presenza in radio di una determinata stazione.   Già al primo approccio, si potrà rilevare una migliore qualità audio, per la presenza di specifiche routine software degli apparati, come il dispositivo di abbattimento del rumore di fondo.

Fonte

Saluti
Diego, IS0UYN